In risalita il mercato degli NFT

NFT market

Dopo alcune settimane di calo, il mercato degli NFT sembra essersi un po’ ripreso. 

L’indice Nansen NFT-500

Prendendo come riferimento l’indice Nansen NFT-500, negli ultimi 30 giorni si è verificato un calo del 2,8% in ETH, ma una crescita del 14% in USD. D’altronde il prezzo di ETH in dollari negli ultimi 30 giorni è salito del 9%, quindi il mercato degli NFT ne ha giovato in misura solamente di poco inferiore. 

Tuttavia fino al 10 marzo era in calo, e la successiva crescita si è verificata solo a partire dal 14 marzo. 

Non a caso il 15 marzo è anche il giorno in cui è iniziata una nuova piccola fase di crescita del prezzo di ETH, passato da 2.500$ ad oltre 3.000$ in una decina di giorni. 

Mercato degli NFT, il conio non è garanzia di profitto

Nel frattempo è stato pubblicato un report di Nansen sui creatori di NFT che dimostra come il semplice conio di non-fungible-token non garantisce la generazione di profitti. Anzi, la maggior parte degli NFT coniati non riesce affatto ad essere venduta. 

Il report rivela che da gennaio 2021 a febbraio 2022 in media solo il 44,8% degli NFT coniati viene rivenduto sul mercato secondario nell’arco di 30 giorni, ovvero meno della metà. Inoltre tale percentuale è in calo fin da luglio 2021.

Con “mercato secondario” si intende la rivendita dopo l’acquisto iniziale direttamente dal produttore. 

Addirittura uno su tre tra tutti gli NFT coniati diventa in seguito una collezione morta, con poca o nessuna attività di scambio. A ciò va aggiunto che una percentuale simile ha prezzi di mercato inferiori ai costi del conio. Tali percentuali però risultano attualmente in calo.

mercato NFT
Molti NFT diventano collezioni morte

Gli acquisti degli NFT

Il report suggerisce che acquistare NFT appena coniati è una strategia che dovrebbe essere presa in considerazione, ma solo analizzando prima con cura la propria predisposizione al rischio. Inoltre sottolinea che è essenziale condurre un’accurata due diligence sui progetti dietro le varie collezioni, per cercare di ridurre il più possibile il rischio di perdite. 

La maggior parte dei creatori di NFT spende fino a 0,5 ETH per il conio, ma il valore complessivo degli NFT creati con meno di 0,5 ETH rappresenta solamente il 10,7% di quello complessivo. Il mercato degli NFT è invece dominato da coloro che spendono tra 10 e 100 ETH e rappresentano circa un terzo (32,6%) del volume totale di conio. 

Fino a dicembre 2021 questi ultimi erano i più numerosi sul mercato NFT, ma da gennaio i più numerosi sono quelli che hanno speso da 1 a 5 ETH, con una leggera diminuzione delle balene che hanno speso oltre 100 ETH.

Il report sostiene che il comportamento dei creatori di NFT potrebbe essere preso come segnale per l’andamento del mercato a breve termine. Infatti i dati degli indici NFT di Nansen hanno segnalato la recente tendenza al ribasso del mercato, che si è riflessa nel conio di nuovi NFT.

The post In risalita il mercato degli NFT appeared first on The Cryptonomist.