Raccomandazioni di Borsa: i Buy di oggi da Anima a Wiit

Banca Akros assegna un buy a:

Anima Holding con target price di 5,50 euro in scia alla raccolta di agosto migliori del consensus e Orsero con prezzo obiettivo di 12 euro in vista della semestrale in calendario il 13 settembre.

Giudizio accumulate inoltre per Piaggio con fair value di 3,80 euro (accordo con Honda, KTM e Yamaha sulle batterie).

Intesa SanPaolo giudica buy:

Anima Holding con target di 5,40 euro, Banca Sistema con obiettivo di 2,90 euro, ridotto però dai precedenti 3 euro dopo la semestrale, Credem con fair value di 6,40 euro (secondo rumors stampa avrebbe ha fatto un passo indietro da Carige), Esprinet con obiettivo di 15,50 euro dopo la semestale, Lu-Ve con target di 22,30 euro (oggi la semestrale), Mediobanca con obiettivo di 11,60 euro (piazzato un bond da 500 mln di euro), Piaggio con target di 4 euro, UniCredit con obiettivo di 12 euro (si potrebbe allungare la trattativa con il MEF su MPS), Valsoia con fair value di 20 euro dopo la semestrale e Wiit con target di 21,50 euro (oggi la semestrale).

Giudizio add inoltre per Nb Aurora con fair value di 9,90 euro dopo la semestrale e San Lorenzo con target di 34 euro, alzato dai precedenti 28,60 euro dopo la semestrale.

Bestinver assegna un buy a:

Piaggio con fair value di 3,60-3,80 euro e Saras con obiettivo di 1,20-1,30 euro in scia all’andamento del margine di raffinazione.

Equita giudica buy:

Anima Holding con target di 5,20 euro, Fila con obiettivo di 12,40 euro (back-toschool in Europa e negli Usa), Iren con fair value di 3,30 euro (possibile ripartenza dei dialoghi con Cva), Mutui Online con target di 50 euro (oggi la trimestrale), Mediobanca con obiettivo di 11,70 euro, Nb Aurora con fair value di 10,70 euro, Piaggio con obiettivo di 3,60 euro e UniCredit con target di 13 euro.

Mediobanca valuta outperform:

Enel con prezzo obiettivo di 9,10 euro (l’ad Francesco Starace ha dichiarato che non è realistico che l’Italia ripensi l’attuale divieto di produzione di energia dal nucleare), Inwit con target price di 13,60 euro (il rating Esg alzato ad A dal precedente BBB da Msci), Italgas con fair value di 6,50 euro (il CdA dell’agenzia di privatizzazione greca che detiene il 65% di Depa ha richiesto un’offerta migliore), Nexi con obiettivo di 23,50 euro (l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato un procedimento istruttorio per valutare la fusione tra SIA e Nexi) e Snam con target di 5,15 euro (al via la collaborazione con la Regione Abruzzo per promuovere la mobilità verde dell’idrogeno e l’avvio di una valle dell’idrogeno in centro Italia).