UK: la FCA pronta a regolamentare le criptovalute?

Uk FCA criptovalute

L’autorità UK che vigila sui mercati finanziari (FCA) ha pubblicato un “Consultation Paper” di 186 pagine intitolato “Rafforzare le nostre regole sulla promozione finanziaria di investimenti ad alto rischio, comprese le criptovalute”. 

UK verso la regolamentazione delle criptovalute

L’obiettivo della FCA è quello di far funzionare bene il mercato degli investimenti retail, in particolare affrontando il rischio relativo agli eventuali danni causati da investimenti ad alto rischio. 

In particolare la FCA vorrebbe che gli investitori retail non fossero indotti ad investire su asset con livello di rischio non corrispondente alla loro propensione al rischio. 

FCA scrive che dall’inizio della pandemia si è verificata una rapida crescita nella percentuale di investitori retail che detengono investimenti ad alto rischio, e secondo le loro ricerche molti di questi nuovi investitori sarebbero guidati da fattori sociali ed emotivi, e non razionali. 

Ritengono pertanto che il settore degli investimenti sia cambiato, in particolare a causa delle pubblicità rivolte ad un pubblico di massa, e per questo stanno valutando di integrare le attuali normative con una nuova regolamentazione, rivolta alle aziende fanno promozioni finanziarie di imprese non autorizzate. 

Uk FCA criptovalute
La FCA vuole regolamentare le criptovalute

Criptovalute come investimento a rischio

Infatti l’attuale normativa si applica di fatto solo agli operatori finanziari autorizzati, ma tra questi non ci sono coloro che creano o distribuiscono criptovalute. L’idea pertanto sembra essere quella di estendere in qualche modo più o meno le stesse regole anche a chi promuove investimenti crypto. 

Per questo motivo nel Consultation Paper vengono avanzate alcune proposte che riguardano principalmente le promozioni di investimenti ad alto rischio, come il crowdfunding basato sugli investimenti (IBCF), gli scambi peer-to-peer (P2P), titoli non prontamente realizzabili (NRRS), investimenti in pool non tradizionali (NMPI) e titoli speculativi illiquidi (SIS), oltre alle criptovalute. 

La FCA dichiara di voler cambiare la classificazione degli investimenti ad alto rischio, il percorso che porta l’investitore retail verso gli investimenti ad alto rischio, il ruolo delle imprese nella comunicazione delle promozioni finanziarie e l’applicazione delle regole alle criptovalute. 

Quindi se in questa fase il lavoro della FCA si concentrerà solo sulla promozione e la pubblicità relative agli investimenti in criptovalute, è possibile immaginare che in futuro possa esserci anche una seconda fase magari relativa agli scambi delle criptovalute stesse sui mercati. 

Investimenti più chiari

Il direttore esecutivo dei mercati di FCA, Sarah Pritchard, ha dichiarato: 

“Troppe persone vengono spinte a investire in prodotti che non comprendono e che sono troppo rischiosi per loro. 

Le persone hanno bisogno di informazioni chiare ed eque e di avvisi di rischio adeguati se vogliono investire con fiducia, che è l’obiettivo centrale della nostra strategia di investimento per i consumatori”. 

Le nuove regole non solo puntano a rendere più chiari i rischi, ma vogliono anche vietare gli incentivi agli investimenti, come bonus per iscrizioni o per invitare amici.

Inoltre alcune criptovalute verrebbero classificate come “investimenti con limitazioni per il mercato di massa”, così da renderle disponibili solo ad investitori professionali o con un patrimoni elevati.

The post UK: la FCA pronta a regolamentare le criptovalute? appeared first on The Cryptonomist.